Aumentare la durata della batteria del proprio smartphone è una questione che interessa a molti, soprattutto ai cosiddetti Mobile Worker chiamati a svolgere buona parte del loro lavoro fuori ufficio, trovandosi spesso in difficoltà nel momento in cui devono ricaricare il proprio dispositivo.

In genere la batteria di uno smartphone dura un’intera giornata. Alcune a più lunga durata, come quella dell’iPhone 6 Plus o del Droid Turbo di Motorola, durano anche oltre, ma si tratta di eccezioni. Con delle semplici mosse potrai tuttavia mantenere in vita il tuo dispositivo oltre le 24 ore. Se il tuo smartphone è Android, eccone qui 10 che fanno al caso tuo.

Leggi anche: Traffico dati all’estero: 5 consigli per risparmiare.

 

1. Riduci la luminosità dello schermo.

La pratica più comune e più efficiente per aumentare la durata della batteria del proprio smartphone, indipendentemente dal suo sistema operativo, consiste nel ridurre la luminosità dello schermo.

Per farlo sul tuo dispositivo Android, va su Impostazioni > Dispositivo personale > Schermo > Luminosità e imposta una luminosità non superiore al 50%.

 

2. Evita di usare le App più dispendiose.

Le App che tieni in background possono continuare a consumare la batteria del tuo smartphone senza che tu ne sia consapevole. Android fortunatamente ti consente di monitorare il consumo della batteria e individuare le App più dispendiose: ti basterà quindi andare su Impostazioni > Altro > Batteria per conoscere quali App evitare di usare quando sei fuori ufficio.

 

3. Attiva la modalità di risparmio energetico.

La maggior parte degli smartphone Android (Samsung, Sony, Motorola e HTC per citarne alcuni) consentono di attivare la modalità di risparmio energetico. In alcuni dispositivi è possibile impostare l’attivazione automatica di questa modalità quando la batteria raggiunge una determinata percentuale di carica.

Per attivare il risparmio energetico sul tuo dispositivo Android va su Impostazioni > Dispositivo personale > Risparmio energetico.

 

4. Disattiva NFC e Bluetooth.

Solitamente il Bluetooth è disattivato di default negli smartphone Android, ma lo NFC (Near Field Communication) potrebbe non esserlo. Quest’ultimo consente lo scambio bidirezionale di dati in modalità wireless a corto raggio e, come il Bluetooth, dovrebbe essere attivo solo quando viene effettivamente usato.

Per tenere disattivati Bluetooth e NFC sul tuo smartphone Android, assicurati che su Impostazioni > Connessioni,  per entrambe le voci sia impostata la modalità OFF.

 

5. Usa sfondi scuri su schermi AMOLED.

Ci sono due tipi di display per smartphone: gli LCD e gli AMOLED. I primi hanno un sistema di illuminazione posteriore che illumina tutti i pixel dello schermo. Mentre negli schermi AMOLED i pixel sono illuminati individualmente. Quindi un pixel colorato è un pixel illuminato che consuma batteria. Al contrario, un pixel nero non viene illuminato per cui non produce alcun consumo.

L’aumento della durata della batteria di uno smartphone Android con display AMOLED può dunque avvenire anche attraverso l’uso di uno sfondo dello schermo scuro.

 

6. Disattiva i sistemi di geolocalizzazione.

Molte App come Google Maps e Swarm utilizzano la tua posizione per restiturti dei dati geo-referenziati in tempo reale. Ma se usi raramente questo genere di applicazioni, sarebbe buona cosa tenere disattivato il sistema GPS del tuo smartphone.

Per disattivare il sistema di geolocalizzazione del tuo smartphone Android, va su Impostazioni > Altro > Posizione e imposta la modalità OFF.

 

7. Disattiva i controlli Air Gesture.

Se il tuo smartphone Android è un Samsung S4 o una versione successiva, ti consigliamo di disattivare il sistema di tracciamento oculare e la funzione Air Gesture per il controllo del dispositivo tramite il movimento delle mani. C’è infatti una buona possibilità che tu non usa mai queste funzioni che, se mantenute attive, causano un inutile consumo della batteria.

Per disattivare i controlli Air Gesture del tuo smartphone Android va su Impostazioni > Dispositivo personale > Movimenti e controlli.

 

8. Disattiva le vibrazioni e le suonerie inutili.

Vibrazioni e le suonerie sono un’importante fonte di spreco della batteria. E’ quindi raccomandabile disattivare quelle inutili andando su Impostazioni > Dispositivo personale > Suono. Qui ti consigliamo di togliere la spunta alle seguenti voci: “Tono tastiera composizione“, “Tono blocco schermo“, “Suono tocco tasto” e “Vibrazione tocco tasto“.

 

9. Riduci al minimo i widget nella Home.

I widget sono un ottimo strumento per visualizzare le informazioni in anteprima con un semplice colpo d’occhio sulla schermata Home del tuo Android. Ma per aumentare la durata della batteria del tuo dispositivo ti consigliamo di eliminare quelli che non usi. Per farlo tieni premuto sull’icona del widget che intendi rimuovere e trascinala verso il cestino che comparirà un istante dopo.

 

10.  Disabilita le animazioni.

Anche le animazioni come le vibrazioni e le suonerie possono causare uno spreco inutile della batteria del proprio smartphone. Nel caso delle animazioni, la disattivazione è però più complessa perchè richiede l’abilitazione della voce “Opzioni sviluppatore” che, per impostazioni predefinite, Android tiene nascosta.

Per abilitare le “Opzioni sviluppatore” sul tuo dispositivo Android va su Impostazioni > Altro > Info sul dispositivo e tocca 7 volte su Versione build. Torna alla schermata precedente e proprio sopra alla voce “Info sul dispositivo” troverai la nuova voce “Opzioni sviluppatore“.

Entra quindi su “Opzioni sviluppatore“, scrolla giù e disabilita le seguenti opzioni: “Scala animazione finestra“, “Scala animazione transizione” e “Scala durata animatore“. In questo modo andrai ad aumentare la durata della batteria e la velocità del tuo smartphone Android.